NEWS

QUANTO SEI DISPOSTO A SPENDERE PER IL VESTIARIO DA LAVORO?


QUANTO SEI DISPOSTO A SPENDERE PER IL VESTIARIO DA LAVORO?


QUANTO VALE L'ABBIGLIAMENTO DA LAVORO IN RAPPORTO ALL'ABBIGLIAMENTO CASUAL?

Si dice che l’abito fa il monaco e, in parte, è vero. Gli abiti che indossiamo parlano di noi e influenzano sia il nostro stato d’animo che la percezione che gli altri hanno di noi. Ma oltre a questo, gli abiti hanno una funzione di protezione: ci tengono al caldo in inverno e disperdono il calore in estate.

Ci devono regalare benessere e farci sentire a nostro agio.

Utilizziamo un abbigliamento diverso in base a quello che facciamo: è automatico!
Se stiamo andando a fare sport, adotteremo un abbigliamento tecnico adeguato; per passeggiare in centro città ci vestiremo casual; se abbiamo una cena importante ci vestiremo elegantemente…

Senza rendercene conto, tendiamo a vestirci in base all’umore e anche i colori che scegliamo sono importanti perché comunicano il nostro stato d’animo e influenzano il nostro umore.

Il nero, ad esempio, comunica sobrietà, autorità, sofisticazione, mentre il blu è il colore della credibilità – perfetto nelle riunioni di lavoro! –, il rosso trasmette dinamicità e, non a caso, è il colore del logo U-POWER!

Non c’è quindi da stupirsi se, come confermato dai dati Eurostat, siamo disposti a spendere il 6,2% delle nostre entrate in abbigliamento e scarpe.

Ma, siamo disposti a usare la stessa cura e attenzione anche nell’acquisto dell’abbigliamento da lavoro?
Perché siamo disposti a spendere i nostri soldi (giustamente!) per l’abbigliamento da palestra o per lo sci in montagna e non per lavorare?

---

 

Se la nostra mansione lavorativa ci porta all’utilizzo di un abbigliamento professionale specifico, di dispositivi di protezione individuale, indosseremo i nostri abiti per almeno 8 ore: una buona parte della giornata!

In questo caso, gli abiti da lavoro hanno una funzione ancora più importante perché ci devono garantire sicurezza, devono essere funzionali per metterci nella condizione di lavorare al meglio, senza distrazioni o impedimenti che possano distorcere la nostra concentrazione.

Allora perché tendiamo a pensare che possiamo utilizzare come abbigliamento da lavoro i nostri vestiti casual ormai passati di moda o vecchi e non più adatti al nostro tempo libero?

Si tratta di un errore molto comune che non tiene conto delle proprietà specifiche per le quali un abbigliamento tecnico professionale è espressamente studiato.
Inoltre, non è assolutamente vero che gli abiti da lavoro “sono brutti” e non adatti anche per il tempo libero (a meno che non siano proprio specifici, come l’abbigliamento alta visibilità).

---

 

In che cosa si differenziano rispetto agli abiti casual?

Le caratteristiche peculiari del vestiario da lavoro riguardano principalmente la funzionalità, i materiali, e la tecnologia dei tessuti.

La funzionalità è data dallo studio dei dettagli atti a garantire praticità e sicurezza sul lavoro.

Se prendiamo in considerazione i pantaloni, vedremo che un pantalone da lavoro è dotato di numerose tasche per consentire al lavoratore di avere a portata di mano tutto ciò di cui ha bisogno senza dover continuamente interrompersi per recuperare gli strumenti necessari dalla sua cassetta degli attrezzi.

Le tasche saranno posizionate in maniera da distribuire il peso degli stessi e, al contempo, tenere badge, cellulare, penne e matite con sé.

Quindi, avremo tasche posteriori, anteriori e laterali studiate per ottimizzare il carico dei pesi e non gravare sugli arti creando scompensi.
In base al modello, potranno esserci tasche anche in corrispondenza delle ginocchiere o, come nel caso del pantalone WORLD della linea FUTURE di U-POWER studiate per sopperire a situazioni peculiari ben precise. In questo caso, le tasche posteriori sono leggermente disassate e inclinate verso il lato esterno della gamba in modo da agevolare l’ingresso della mano: un dettaglio importante se si usa un’imbracatura di sicurezza o un giaccone che ne copre l’apertura!

---

 

Anche le giacche e i gilet sono studiati per offrire numerose tasche sia interne che esterne. E anche in questo caso sono i piccoli dettagli a fare la differenza. Come ad esempio, la regolazione della vestibilità in vita con coulisse antimpigliamento all’interno della tasca anziché esterna.

Questa particolarità può sembrare una sfumatura ma in realtà consiste nell’eliminazione di un pericolo vero e proprio, perché una delle cause principali di incidente sul lavoro è proprio l’impigliamento.

Ogni giacca da lavoro U-POWER ha la coulisse antimpigliamento all’interno delle tasche e questo è garanzia di sicurezza.

Inoltre, non manca la cura nel design, tutto “Made in Italy” che rendono questi capi di vestiario degli indumenti perfettamente adattabili alla vita di tutti i giorni. La linea casual con cui sono stati disegnati tiene in considerazione le tendenze della moda e sono estremamente versatili e adattabili anche all’abbigliamento informale o sportivo.

---

 

L’altra grande differenza tra il vestiario da lavoro e quello abituale è la qualità e la tecnologia dei materiali di utilizzo.

Questi, infatti, sono studiati per assicurare comodità e leggerezza pur garantendo il giusto microclima sulla pelle e il benessere della persona.

Quante volte vi sarà capitato di lavorare in luoghi umidi, con la pioggia o a temperature spiacevoli e di aver provato una sensazione di disagio a causa del freddo o siete passati da sensazioni ripetute di caldo/freddo, senza riuscire a stabilizzare la temperatura del corpo?

I tessuti tecnici – come Softshell sono in grado di risolvere questo tipo di problema, pur rimanendo leggeri e non ingombranti. E quando sono combinati con tecnologie innovative, sono anche in grado di assicurare elasticità e libertà di movimento.

Un esempio?

Il tessuto U-4 WAY STRETCH che si muove in quattro direzioni contemporaneamente o la tecnologia U-TEX, che assicura traspirabilità, impermeabilità, resistenza agli oli e ai grassi, pur rimanendo ultrasottile e leggerissima.

E, ovviamente, parliamo di resistenza e di robustezza, perché sul lavoro gli indumenti vengono spesso maltrattati

L’utilizzo di inserti di rinforzo – il CORDURA e il tessuto POLYOXFORD – nelle aree soggette a maggior abrasione e sfregamento, come le ginocchia e il battitacco, assicura durata e integrità del pantalone o della giacca (area del gomito).

Ma anche le felpe, le polo e le T-Shirt non sono da meno.

Pensate ad una situazione di lavoro all’esterno, sotto un caldo sole estivo…se indosso una “maglietta”, probabilmente finirò col sudare e bagnare il tessuto, con il risultato di avere una sensazione umida sulla cute.
Ma se utilizzo una T-Shirt o una polo pensata per il lavoro, avrò a disposizione un tessuto tecnico traspirabile e leggero che mi consentirà di avere, se non proprio una sensazione di freschezza, almeno la pelle asciutta, senza gocciolina di sudore che dal collo corre giù verso la schiena, perché la fettuccia para sudore l’avrà bloccata.

---

 

Insomma, cari lettori, c’è una differenza sostanziale tra l’abbigliamento di tutti i giorni e quello per il lavoro. E non sono gli abiti dismessi, quelli che non ci piacciono più che si possono adattare alla situazione lavorativa, se vogliamo sentirci bene e dare il nostro meglio ma, semmai, è l’abbigliamento da lavoro che può essere adattato ad un utilizzo per il tempo libero, perché i tessuti e i materiali utilizzati non entrano in contrasto con un utilizzo quotidiano, anzi!

Date un’occhiata alla linea di abbigliamento U-POWER: il design delle nostre giacche e giacconi, dei nostri gilet, delle nostre felpe, ecc… è sempre alla moda e assicura un look trendy sia al lavoro che nel tempo libero.

 


U-POWER, l’abbigliamento da lavoro che crea tendenza.

Caro lettore, ci auguriamo che l’articolo sia stato di tuo gradimento. 
Se vuoi approfondire l’argomento e vuoi ulteriori informazioni, non esitare a contattarci attraverso il form sottostante.
Il nostro personale tecnico sarà lieto di rispondere alle tue domande nel più breve tempo possibile.


Tu domandi, U-POWER risponde!

  Acconsento al trattamento dei dati personali   Privacy policy